CATEGORIE

L’Etna, una terra unica al mondo

 

L’Etna, il vulcano attivo più grande d’Europa e Patrimonio Unesco dal 2013, è terra di fuoco, di aria e di acqua, ma anche di luce che creano continuamente colori magnifici che esplodono ovunque. Torrenti  grigio antracite di colate da poco spente che s’illuminano del rosa vermiglio e del fucsia degli spontanei romici e cuscini verde e viola della saponaria il tenue l’arancio, il verde ed il bianco delle betulle endemiche, il tappeto infinito di giallo cadmio delle ginestre etnee, il color rame dei castagni autunnali, il viola scuro e l’ocra perlaceo di grappoli di viti, il rosa delicato dei ciclamini, il bianco da sposa della neve in inverno che spicca sotto una luce inebriante,  il verde scuro degli ulivi, l’arancio ed il giallo degli agrumi che si mescolano insieme al verde delle foglie della piana di Catania per giungere attraverso una distesa d’oro di sabbia fine sino a tuffarsi nel blu dello Jonio.

E’ questa l’immagine dell’Etna che mi piace di più rappresentare, proprio perché  Etna, non è solo la cima della montagna, ma già il pezzo di terra su cui poggi il piede appena scesa dall’aereo…

“A Muntagna”, è questo il nome che noi catanesi le attribuiamo ed è il primo pensiero appena svegli che ci fa ammirare se la sua prima immagine che ci regala sia accompagnata da un pennacchio di fumo o  da la contessa dell’Etna,  Altocumulus lenticulaus, il fenomeno scientificamente spiegato quando sull’Etna soffiano i venti da ponente ed incontrano il vulcano come fosse un deflettore, una effettiva barriera, si innalzano umidificandosi, ma ad alta quota i due venti opposti ruotano su se stessi “contendendosi”, appunto la nube che ne deriva. La nube lenticolare  è un’affascinante e tipico fenomeno etneo che cattura l’attenzione di tutti gli abitanti dell’area catanese, la sua forma a volte di mandorla schiacciata, altre di un “cappello”,  riesce anche a colorarsi  dalle molte sfumature di rosa, rendendo l’evento molto suggestivo.

L’Etna è anche eruzioni vulcaniche che ci invita a non dimenticare di essere sempre un vulcano attivo che tra eruzioni importanti e parossismi spettacolari, ci ricorda il nostro ruolo di ospiti rispettosi .

Ma non molti sanno che Etna è anche la montagna dei catanesi dove andare a sciare, con i suoi impianti di risalita sia ad Etna sud che ad Etna Nord, dove la neve in genere permane di  più, ma anche le passeggiate con le ciaspole, hanno regalato al territorio un + 50% negli ultimi anni, incontro ad un turismo responsabile ed ecosostenibile, rallentando il ritmo della vita, ma potenziando una attività aerobica in aiuto all’apparato cardio-vascolare e respiratorio, tonificando muscoli e soprattutto gambe.  Ma anche gli amanti del MtB sono i protagonisti dei sentieri odorosi etnei, dove più generazioni trovano momenti di aggregazione e compartecipazione, legati ad attività e scoperta di territori ancora inesplorati.

 

Il vulcano attivo più grande d’Europa accoglie ogni anno, pre-pandemia, più di 14 milioni di visitatori, spinti dalla curiosità di scoprire come fanno a vivere sotto un vulcano attivo i suoi abitanti, a testare quanto sia piena di energia una passeggiata sul suo territorio lunare, adatte sia a coloro che desiderano solo visitare il vulcano, o agli amanti delle sue grotte vulcaniche, dei suoi paesaggi e  di panorami infiniti, che ai tenaci trekkers amanti delle escursioni di montagna, di paesaggi incontaminati.                                                                                                                                                                 Anche i più grandi  appassionati si ritrovano ad affrontare percorsi inattesi sotto ogni profilo, perché l’Etna è unica, perché l’Etna è l’Etna! Tutti concordano che l’energia che sprigiona questo suolo vulcanico, riempie l’anima, il corpo ed ogni membra del corpo umano, poiché, come sappiamo il contatto con la natura dona serenità ed il silenzio si riflette in una pace interiore agendo da antistress!                                                                       Organizziamo escursioni che ti porteranno fino a 3000 metri di altitudine regalandoti panorami mozzafiato!

Sulle colline etnee troviamo storici vigneti con i loro terrazzamenti in pietra lavica di varietà locali di viti da cui vengono prodotti i rinomati vini DOC dell’Etna – questi vini sono il fiore all’occhiello della zona Etnea, il Nerello Mascalese e il Nerello Cappuccio sono meravigliosi vini rossi, mentre Catarratto e Carricante sono i bianchi.

Lo straordinario contenuto minerale del terreno vulcanico intorno all’Etna è la base per i deliziosi e tipici vini prodotti qui. I vigneti e le cantine locali offrono al viaggiatore la possibilità di scoprire non solo i suoi rinomati vini in perfetto abbinamento ad una cucina dedicata a tutti i palati, dai più raffinati ed esigenti di una cucina più elegante, che allo street- food più tipico.

I vini etnei sono ormai tra più richiesti a livello internazionale, grazie al suo Terroir,  combinazione del suolo, del microclima, dei vitigni e delle tradizioni vitivinicole presenti sul territorio etneo che ne determina il carattere, l’unicità sensoriale e la qualità organolettica del suo vino.

Riscopriamo insieme il profumo, il tatto il sapore che partecipano tutti al gusto, ritrovandoci tutti un pò sommelier, ma soprattutto amanti della natura e del nostro vulcano.

Il nostro invito sull’Etna?  Conoscete un luogo dove al mattino andate a sciare e ad ora di pranzo scendete al mare a nuotare? L’avete appena trovato! Vi aspettiamo!

Paola F. J. Torrisi

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
happy-woman-walking-on-beach-PL6FA7H.jpg

SanFair Newsletter

The latest on what’s moving world – delivered straight to your inbox